Monti Simbruini

Il Progetto

Richiedi informazioni

Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini

GEOTURISMO - Il Progetto

Soggetti Accreditati

Basandosi sui principi della Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile, della Convenzione sulla Biodiversità e della Convenzione del Patrimonio Mondiale, ispirandosi alla Carta Nazionale del Paesaggio, redatta a cura dell’Osservatorio nazionale per la qualità del paesaggio su iniziativa del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, il progetto è teso alla valorizzazione dell’immenso patrimonio ambientale del territorio del Parco dei Monti Simbruini, per lo sviluppo e la promozione di un turismo ecocompatibile, rispettoso del territorio ospitante e formativo per il viaggiatore. Il progetto nasce dalla constatazione dell’enorme attrazione esercitata sull’Uomo, da sempre, dalle bellezze e dalle forme di espressione più maestose e affascinanti della Natura. Le attività vulcaniche, il patrimonio fossilifero, le mutevoli forme del paesaggio, l’interazione tra attività antropiche e attività telluriche, l’uso del suolo e lo sfruttamento delle ricchezze del sottosuolo, sono tematiche di indubbio interesse non solo per gli “addetti ai lavori” del mondo scientifico, ma anche, se presentate in forma divulgativa e in un contesto più ampio di riscoperta del territorio, per semplici appassionati o per quanti sono desiderosi di intraprendere la strada del turismo alternativo ed ecocompatibile. È dunque necessario considerare il patrimonio ambientale come un bene culturale che documenta tuttora i momenti più significativi nel processo di trasformazione evolutiva del territorio, un bene culturale da proteggere e al tempo stesso da valorizzare, secondo i principi della geoconservazione. Il territorio simbruino si affaccia sul panorama nazionale con una ricchezza di cultura, storia e tradizione del tutto uniche. A questo va aggiunto il grande potenziale naturalistico che può considerarsi autentico valore aggiunto da utilizzare al meglio per una maggiore e più adeguata proposta turistica. La salvaguardia delle risorse naturali, il rispetto delle culture locali e la valorizzazione della Biodiversità e della Geodiversità, passa attraverso un cammino informativo divulgativo e propositivo, che avrà il fine di sensibilizzare la coscienza dei viaggiatori verso un approccio più rispettoso della destinazione che li ospita.

Il territorio del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini la più vasta area protetta del Lazio presenta nel suo insieme una incredibile ricchezza storico ambientale, racchiudendo in se una immensa varietà di ambienti ed endemismi che possono essere autentico valore aggiunto per una proposta Geoturistica. Sulla base di questi principi in sintonia con le direttive del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, che identifica nella proposta geoturistica un concreto strumento di promozione e sviluppo del suo terriotrio, nasce il progetto Geoturismo Simbruini. Uno scrupoloso ed attento studio delle potenzialità del territorio, una condivisione di vedute ed ambizioni frutto di incontri, tavoli tecnici e interazione con le realtà presenti nel Parco, ha portato alla creazione di prodotti geoturistici qualificati e rispettosi di regole semplici sintetizzate in sette punti cardine delle linee guida del progetto. Le realtà operanti esclusivamente sul territorio simbruino coordinate da una supervisione tecnica ed organizzativa propongono attività e servizi in chiave geoturistica. Al progetto hanno aderito importanti Tour Operator nazionali che seguono la Direzione Tecnica delle iniziative di viaggio in territorio simbruino, dando così vita ad un gruppo coeso e qualitativo. La creazione di un prodotto turistico deve rispondere a specifiche regole che Geoturismo Simbruini segue scrupolosamente, affidandosi sempre ad operatori qualificati ed autorizzati alla commercializzazione di prodotti turistici. Grazie all'importante iniziativa intrapresa dal Parco dei Monti Simbruini che ha organizzato, in collaborazione con l'Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche - AIGAE, un corso di formazione, ai sensi dell'art. 30 comma 6 della L.R. n. 29/97 e ss.mm. e ii., finalizzato al rilascio del titolo di GUIDA DEL PARCO e GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA, con la duplice finalità di offrire opportunità occupazionali ai giovani delle comunità locali e un servizio qualificato di guida e accompagnatore ai visitatori del Parco, il Progetto Geoturismo Simbruini, si avvale di collaborazioni qualificate e professionali.

Tour Operator aderenti al progetto

geoturismosimbruini.it

Impronte a Nord Ovest

Impronte a Nord Ovest è un tour operator specializzato in viaggi naturalistici, fotografici, individuali e per piccoli gruppi. Rinunciando all’abusata formula "pacchetto" rivolta alla massa chiassosa che invade i luoghi che attraversa, Impronte a Nord Ovest si impegna per proporre un turismo diverso, più intimo e rispettoso, attento alla salvaguardia dell'ambiente.

Scopri di più

marco-vinci.com

Tucano Viaggi Ricerca

C’è un turismo che consuma, veloce ed effimero, e c’è un modo di viaggiare diverso: rispettoso dell’ambiente, delle culture e delle tradizioni, proposto con la sicurezza di chi ha percorso le strade del mondo con curiosità e passione, un modo di viaggiare rivolto a viaggiatori speciali e agli amanti del bello che c’è nel mondo.

Scopri di più

marco-vinci.com

Elly Travel

Con il suo operatore M.T.B. – Management of Tourism and Biodiversity si è data il compito di sostenere, valorizzare e promuovere i patrimoni ambientali, storici culturali tramite un “turismo rispettoso”, attento alla loro conservazione e che riduca al minimo il suo impatto negativo sull’ambiente.

Scopri di più

Linee Guida

Sette punti cardine

Punto 1

Valorizzare le ricchezze naturalistiche e paesaggistiche andando oltre la limitazione culturale che vede flora e fauna come uniche forme di Natura. Gli scenari offerti dal paesaggio sono il risultato di una lenta evoluzione che in tempi geologici ha portato oggi antichi fondali oceanici sul tetto del mondo, offrendo spettacoli unici e imparagonabili.

Punto 2

Valorizzare la “geodiversità”, presentandola in forma divulgativa, cioè scientificamente corretta e professionale, ma esente da noiose pedanterie. Una nuova chiave per presentare il volto più attraente ed affascinante del paesaggio, che troppo spesso è connessa ai concetti di pericolosità e di rischio e non sempre al puro godimento culturale, visivo ed emotivo.

Punto 3

Il prodotto Geoturistico contribuisce attivamente alla salvaguardia dell'ambiente. Un operatore che promuove Geo-Viaggi lavora in prima linea per la salvaguardia dell'ambiente, usufruendo di sistemi rispettosi dell'ambiente, tecnologie a basso impatto, offerti da fornitori che adottano strategie volte alla conservazione delle ricchezze naturalistiche.

Punto 4

La complessità dei territori ed i differenti patrimoni ambientali, rendono molti paesi tra cui l’Italia luoghi in cui la superficie del territorio è inversamente proporzionale alla frequentazione turistica, ma considerando che la componente ambientale del paesaggio sta diventando sempre più un bene fruibile, il Geoturismo e le attività ed esso connesse, dovranno essere impostate e gestite quale strumento di sensibilizzazione verso la risorsa paesaggistica intesa come valore culturale ambientale e naturalistico.

Punto 5

Il prodotto geoturistico sostiene l'economia locale. Guide, itinerari, servizi, collaborazioni saranno scelte con scrupolosa consapevolezza preferendo dove possibile strutture e servizi sostenibili a gestione locale.

Punto 6

Promozione del prodotto Geoturistico in primis quello italiano come brand, per un’offerta destinata a un turismo sostenibile e diffuso sul territorio, anche attraverso il rafforzamento del ruolo delle realtà locali quali tramiti per la promozione della cultura del paesaggio fornendo concreti strumenti per sostenerne la tutela.

Punto 7

Il prodotto geoturistico dovrà garantire una sostenibilità etica ed ambientale attraverso servizi di alto profilo qualitativo con ricadute positive sulle comunità e sull’ambiente. In particolar modo si preferiranno materie prime locali, si valorizzeranno l’artigianato e le produzioni legate al territorio, le attività saranno distribuite durante tutto l’arco dell’anno destagionalizzando l’offerta che sarà impostata per piccoli gruppi, minimizzando l’impatto sul territorio.